SE POTESSIMO BIGIARE DA GRANDI

SE POTESSIMO BIGIARE DA GRANDI Era un giorno di primavera di decisamente troppi anni fa, la mia compagna di banco e io chiamammo vicendevolmente la scuola spacciandoci ognuna per la mamma dell’altra, per avvisare che, a causa di un malessere, non ci saremmo presentate a scuola. Era la quarta o la quinta liceo e partimmo per Milano con la macchina … Continue reading

LO FACCIO DOPO

LO FACCIO DOPOOgni mattina un essere umano sa che dovrà fare una o infinite telefonate personali a enti, studi o negozi che osservano il suo esatto orario di lavoro, se non più breve, e in un attimo sale quel velato romanticismo scolastico con le due rette parallele che non si incontreranno mai, storie di amori impossibili e malinconici che sanno … Continue reading

LA SETTIMANA DELLE STORIE

LA SETTIMANA DELLE STORIE Dopo la settimana delle lettere è arrivata quella delle storie, ma questa volta la voce narrante non era la mia, ho letto storie meravigliose, di altri e mie, che mi sono state raccontate. Le storie degli altri non le conosci, sono capitoli di libri, parti di un viaggio, pezzetti di Lego che serviranno per costruire quella … Continue reading

HAI MAI DESIDERATO UNA SECONDA POSSIBILITÀ DI INCONTRARE QUALCUNO PER LA PRIMA VOLTA?

HAI MAI DESIDERATO UNA SECONDA POSSIBILITÀ DI INCONTRARE QUALCUNO PER LA PRIMA VOLTA? Storie di mele addentate e di peccati originali ci hanno ottenebrato la mente dalla lapalissiana verità circa l’origine di ogni male: DONARE SECONDE POSSIBILITÀ. Non paghi degli amletici quesiti che la vita ci impone: “avrò pagato la seconda rata della Tasi?” e “quando scade il bollo?” tanto … Continue reading

DÌ GRAZIE ALLA SIGNORA

DÌ GRAZIE ALLA SIGNORA “Dì grazie alla signora”, il mantra che da piccini era accompagnato dall’altrettanto noto “come si dice?” compreso di imbeccata “per fav… e gra…”, ecco perché ci piaceva tanto giocare all’impiccato poi! A casa mia non credo fregasse nulla a nessuno di sentirsi chiamare mamma o nonna o zia, da noi bastava dire “per favore e grazie”, … Continue reading

COMPARTIR ES VIVIR

COMPARTIR ES VIVIR A Capodanno devi tirar tardi, al tuo compleanno devi fare una festa con tutti ma proprio tutti quanti, a Ferragosto devi fare il bagno al mare ma almeno tre ore dopo aver mangiato! Sarà che ho sempre preferito il piacere al dovere, sarà che mi sono sempre divertita quando meno me lo sarei aspettata, sarà che non … Continue reading

UN UCCELLINO POSATO SU UN RAMO NON HA MAI PAURA CHE IL RAMO SI SPEZZI, PERCHÈ LA SUA FIDUCIA NON È NEL RAMO, MA NELLE SUE ALI

UN UCCELLINO POSATO SU UN RAMO NON HA MAI PAURA CHE IL RAMO SI SPEZZI, PERCHÈ LA SUA FIDUCIA NON È NEL RAMO, MA NELLE SUE ALI Ho scritto una lettera, ci ho messo dentro un sacco di emozioni allegre e colorate, è una lettera d’addio, come ne ho scritte tante nella vita, ma questa è un’esplosione di bellezza. Cent’anni di vita mi hanno insegnato che addio si può dire in un milione di … Continue reading

NIENTE DI TUTTO QUESTO, NÉ DI TUTTO IL RESTO

NIENTE DI TUTTO QUESTO, NÉ DI TUTTO IL RESTO Un tempo ci coprivamo le mani di Vinavil, aspettavamo si asciugasse e lo staccavamo come fosse uno strato di pelle. Annusavamo la Coccoina che profumava di quella mandorla contenuta nel nocciolo dell’albicocca, che ho sempre saputo essere velenosa ma non l’ho mai verificato. Qualcuno annusava anche la Pritt ma non ricordo … Continue reading

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Se non fossi entrata in un tunnel buio, con un corrimano sottilissimo, un percorso tanto breve quanto destabilizzante, rinunciando al più fondamentale dei sensi, restando a tratti senza fiato, non avrei mai potuto entrare in una stanza con funghetti impiccati e stupirmi, rilassarmi, sedermi per terra, giocare. Ci sono sensazioni che possono scaturire solo … Continue reading