Precedente Perfetti sconosciuti: nei cellulari ci abbiamo messo tutta la nostra vita Successivo Il mio umile credo