CARTOLINE

CARTOLINE

Era bellissimo tornare dalle vacanze e trovare nella buca delle lettere le cartoline di amici e compagni di scuola nella buca, al rientro e nelle settimane successive. Spedire le cartoline era un vero e proprio lavoro. Bisognava sceglierle, cercare di non dimenticare nessuno di importante, portare con sé gli indirizzi necessari, pensare a una frase diversa per ciascuno, investire un capitale in francobolli, ricordarsi di imbucarle.

Oggi le cartoline arrivano prima e sono molto artigianali. Si scatta una foto, nostra o di un paesaggio, si cerca il numero in rubrica, una Wi-Fi efficiente, alcune parole significative e si invia.

Mi manchi, ti sto pensando, ti vorrei qui con me, ci vediamo appena torno. Oggi come ieri.

cristinafelice.altervista.org

Precedente IN SOLE 48 ORE Successivo CONTRO LO STRESS DELLA VITA MODERNA