COME TI PIACCIONO LE UOVA?

COME TI PIACCIONO LE UOVA?

Dal film Se scappi ti sposo (Runaway bride) l’ispirazione per questo post.

Ike: Sei confusa, sei così confusa che non sai neanche come ti piacciono le uova!
Maggie: Cosa?!
Ike: Sì, sì… è così, col prete le volevi strapazzate, col chitarrista pazzo erano fritte, con l’altro tipo, quello degli insetti, erano in camicia e ora sono… ‘Solo le chiare’, grazie tante!
Maggie: Questo si chiama cambiare idea.
Ike: No! Questo si chiama non avercela per niente un’idea! Maggie che stai facendo?

Ogni volta ho cercato di essere partecipe” io sono partita da qui a pensare a quando ci siamo appassionati di armature medievali o di innesti di piante tropicali. Trovo che condividere passioni e interessi sia fichissimo, un arricchimento per entrambe le parti, basterebbe solo non dimenticare come ci piacciono le uova.

A me le uova al mattino, in vacanza, piacciono strapazzate con sale e pepe, come nella foto, quindi avrei una risposta per il buon Richard.

In assoluto amo il tuorlo panato con scaglie di tartufo adagiato su un pezzetto di pane nero morbido.

Sapere esattamente quello che si vuole non è semplice.

Si rischia di arenarsi, di non correre mai il famoso rischio di cambiare idea, di concedersi di provare un altro sapore e scoprire che possa piacerci più di quello che pensavamo fosse il migliore. Si rischia di andare alla ricerca di chimere, di una perfezione, effimera, che non troveremo mai perché non esiste.

D’altra parte sapere quello che si ama conduce verso una direzione e anche se ci si ferma a guardare le vetrine per strada, è quella. Sapere cosa si ama esclude il resto, ci tiene lontani dal resto. E il resto lo conosciamo, lo abbiamo sperimentato, solo che non fa per noi. È frutto di una scelta.

Beh questa è la settimana in cui si è pronunciato più spesso la parola “vivere” come insieme di esperienze da sperimentare e sentire sulla pelle. E allora cara Alice, caro Cappellaio Matto e caro Bianconiglio forse il segreto per trovare il Paese delle Meraviglie è circondarsi di persone che ci vogliano bene, ce lo dimostrino e siano disposte a viverci con il nostro passato burrascoso e i nostri infiniti difetti ma anche con quello che di meraviglioso e unico siamo.

cristinafelice.altervista.org

Precedente IL SEGRETO DELLE FIGHE FOTONICHE Successivo ANESTETICI SORRISI

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.