E SE IL 2019 LO PASSASSIMO A FESTEGGIARE?

E SE IL 2019 LO PASSASSIMO A FESTEGGIARE?

Un buon non compleanno, non Natale, non Capodanno, non Pasqua e non Pasquetta, ma buono, questo sì. Festeggiare il bello, l’unico, il particolare, il va tutto bene, la serenità, le emozioni, un bacio, un abbraccio, un messaggio o una telefonata.

Impare a vedere, a sentire, a gioire soprattutto, di tutto ciò che una giornata positiva ci può regalare.

La felicità è una scelta che possiamo compiere ogni giorno. E ha a che fare con tanti, tantissimi aspetti e sfumature della nostra esistenza.

Come il tempo. Quello che dedichiamo agli altri e quello che ritagliamo per noi, senza sensi di colpa. Per riposare, guardare un film, prepararci un buon piatto o andare a camminare un po’ al parco. Riprenderlo in mano il tempo, senza combatterlo, senza rincorrerlo, imparando a farne tesoro.

Come vivere. Vivere le persone e le situazioni, mettendo da parte le ferite, accantonando il male che abbiamo subito, riscoprendo la spontaneità delle parole che vogliamo pronunciare e dei gesti che vogliamo attuare, mollarlo un po’ quel freno che teniamo sempre un po’ tirato.

Come tutto quello che avete voglia di fare, di provare, di assaporare. Festeggiamo dieci, cento, mille volte, festeggiamo il grande e il piccolo, festeggiamo anche una singola risata di pancia o un gesto di vero cuore, festeggiamo tutto.

Il 2019 è già qui. E oggi è un giorno che potete concludere con almeno una cosa bella che vi è accaduta. E se vi va di condividerla io la leggo volentieri, in pubblico o in privato!

❤️ cristinafelice.altervista.org ❤️

Precedente Harry ti presento Sally (dichiarazione) Successivo BICCHIERI