L’IMMAGINE VINCENTE CHE LA GENTE PROVA A VENDERE DI SÉ

L’IMMAGINE VINCENTE CHE LA GENTE PROVA A VENDERE DI SÉ

È stata d’ispirazione per questo post, la canzone di J-AX e Bianca Atzei – Intro – che è uscita nel 2012, ma che io ho sentito solo la scorsa settimana, perché sono sbadata!

RICOMINCIARE DA MENO DI ZERO
E FINALMENTE SOLLEVARE IL VELO
E RACCONTARMI VERAMENTE
NON L’IMMAGINE VINCENTE
CHE LA GENTE PROVA A VENDERE DI SÉ

Ragazze e ragazzi degli anni ’90, cresciuti a Beverly Hills con Dylan, Kelly, Brandon e Brenda e qualche anno dopo a New York City con Chuck, Serena, Dan e Blair. Figli del mito americano, divisi tra East e West Coast in base alle preferenze climatiche e all’amletica battaglia tra loft con biliardo e idromassaggio e villa con depandance e piscina. Tutti in limousine per i balli studenteschi, tutte con un fiore da polso pronte per la foto di rito, tutti re e reginette, cheerleader e quarterback. Noi con le vite patinate e le immagini vincenti abbiamo foderato le pareti della nostra memoria. Una sera alla settimana andavamo a vivere altrove, la mattina dopo tornavamo ai nostri licei e appartamenti, alle nostre feste rudimentali e agli abiti poco regali.

Avanti veloce di qualche anno, Instagram, personaggi più o meno noti che in ogni istante mostrano una vita da copertina. Improvvisamente quel precisino di Topolino vince su quello sbadato di Paperino, si capovolgono i principi dell’empatia. La First Class è la nuova Business, l’Economy la vecchia terza classe di cui cantava De Gregori. Lo sfumato leonardesco ha trovato nelle palpebre la sua nuova tela.

Non sono contro i sogni, ma mi piace mischiarli con la vita vera, che forse non è facile ma è quella che ci fa battere il cuore, sentire freddo o calore, percepire il bene e il male.

Ci sono giorni da trucco sbavato, capelli arruffati, colorito spento. Giorni da traffico intenso. Giorni in cui far quadrare i conti, in coda, in attesa, in ritardo. Giorni d’ansia e preoccupazione, giorni di liti e magone, giorni che era meglio restare a letto. Ma saranno giorni misti, con una sfiga e un tocco di luce. E per ogni giorno nero veramente, ne arriverà prima o dopo uno in cui non andrà male niente.

Veri. Lontani dai riflettori. Tra le braccia di persone che ci considerano speciali.

cristinafelice.altervista.org

 

Precedente SEI BELLISSIMA Successivo IL SEGRETO DELLE FIGHE FOTONICHE

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.