Noi non saremo mai un numero, un voto o una taglia

Noi non saremo mai un numero, un voto, una taglia, resteremo sempre persone, stupendi esseri umani, meravigliosi nella nostra unicità.

NEW YORK TIMES SQUARETutte quelle cose matematiche servono agli altri per classificarci. Quello che rende un essere umano tale è la propria coscienza. Se diamo il massimo, se ci impegniamo in qualcosa in cui crediamo avremo raggiunto il punteggio più alto, a prescindere dal fatto che questo ci venga riconosciuto. Allo stesso modo essere premiati per qualcosa che non ci meritiamo perché siamo consapevoli di non aver fatto del nostro meglio non potrà renderci felici, sereni e a posto con la nostra coscienza.

NEW YORK AUDREY HEPBURN STREET ARTSiamo persone meravigliose che spesso incontrano nel proprio tragitto persone che pensano di poter mettere questo dato di fatto in discussione. Ed è a loro che desidero rivolgere un pensiero, a chi è preposto per la nostra valutazione.

LADY LIBERTY IN BLACK AND WHITECaro signor nessuno che guardi questa o quella persona giudicando la taglia che veste. Mi dispiace, mi dispiace per la tua pochezza perché non sai cosa ci sia né dietro quella persona né dietro quella taglia. Ho visto persone che corrispondevano a canoni di bellezza classici stare bene o male con se stesse così come persone molto magre o molto in carne, il tuo giudizio serve solo a te, per sentirti migliore, e se hai bisogno di qualcosa di così vacuo per sentirti meglio, la tua vita non deve essere meravigliosa.

M&M'S STATUE OF LIBERTY NEW YORKA tutti coloro che ci vedono come un numero di pratica, di protocollo, di matricola, di serie dico che dietro a un numero ci sono persone e che inevitabilmente, nel corso delle cose, saranno un numero a loro volta. Pensate a qualcuno che chiudesse una pratica, un contenzioso, un problema tecnico senza valutare che dall’altra parte ci sia una persona che subirà le conseguenze della vostra scelta, siete davvero certi di aver fatto del vostro meglio? Siete a posto con la vostra coscienza? Siete, soprattutto, l’essere umano che vorreste trovare dall’altra parte quando il numero siete voi?

POLAR BEARS CLUB CONEY ISLAND LONG BEACHE infine loro, gli arbitri assoluti, i giudici supremi, gli insegnanti. Maestri, professori, docenti che dall’altro lato della barricata decidono per otto, tredici, diciotto anni della nostra vita quanto valiamo. In un rapporto che non prevede repliche e spesso neanche confronto. A loro posso solo dire che hanno in mano interi destini, magari giudicati con leggerezza. Pensino alla fatica, allo sforzo, all’impegno, alle privazioni prima di decidere in pochi istanti quanto vale quel lavoro. NEW YORK BROOKLIN WILLIAMSBOURG MURALES BAMBINA BLACK AND WHITEE a voi, studenti di ogni età faccio solo una domanda: state facendo del vostro meglio? State dando il massimo? Fate il possibile per rispondere sì a queste due domande e lasciate da parte il numero che qualcuno ha deciso di darvi. Qualche volta corrisponderà al vostro impegno e altre no, fa parte della vita, voi non sarete mai quel numero, sarete quella persona che in quello che fa ci avrà messo l’anima.PONTE DI BROOKIN5-PICCOLA

Precedente Ottalogo #7 Sopravvivere alle crisi di mezza età Successivo In un milione di piccoli pezzi di James Frey