Spazi personali

Spazi personaliGENTE CHE TI TOCCA IL BRACCIO QUANDO PARLA

Giorni fa leggevo un articolo che parlava di molti argomenti tra cui il rispetto degli spazi personali. Cosa voglio dire? Avete presente la gente che quando vi parla vi tocca il braccio insistentemente e senza alcun motivo? O chi si avvicina troppo a voi? Ecco quelle persone invadono il vostro spazio personale e sono in grado di farvi sentire a disagio.SPAZIO PERSONALE

A me capita con una certa frequenza e lo trovo estremamente irritante eppure dicono che questo tipo di reazioni appartengono ai più timidi e introversi, cosa che io non ritengo di essere. Semplicemente non amo i contatti fisici con gli sconosciuti, né che qualcuno mi parli a un centimetro dalla mia faccia.prossemicaLa disciplina che studia i gesti e i comportamenti, gli spazi e le distanze, verbali e non verbali si chiama prossemica, se avete piacere di approfondire l’argomento. In pratica pare che influenzi la distanza con cui ci approcciamo agli altri la nostra provenienza geografica, il nostro ruolo e la nostra cultura. Vi è mai capitato di guardare film o serie americane dove gli avvocati per esempio prendono insieme l’ascensore? Avete fatto caso al fatto che in ascensore sono tutti in fila rivolti verso la porta? Ecco ora salite in ascensore in Italia o in Europa e farete caso che le persone tendono a sistemarsi in cerchioappoggiando la schiena alle pareti.LINEA GIALLA

Cosa fare quindi se sentiamo che il nostro spazio viene invaso? Abbiamo di certo più opzioni. La prima è spostarci cercando di riequilibrare le distanze. La seconda è dire o far capire che non gradiamo quel tipo di contatto fisico (magari scherzando). La terza è sfruttare la comunicazione non verbale dando chiari segni di chiusura (accavallando le gambe, incrociando le braccia, distogliendo lo sguardo. Vi lascio con la visione di questo video che rende l’idea di quando espresso!

Precedente Idee per auguri originali Successivo Ottalogo #10 Iniziare a correre: la verità!