TUTTO QUELLO CHE È STATO E QUEL CHE SARA’

TUTTO QUELLO CHE È STATO E QUEL CHE SARA’

Se ci fosse una laurea in bilanci io ne avrei almeno due, non bilanci con i numeri, io uso la calcolatrice anche per fare 10/4, ma per i bilanci costanti di vita. Sono vissuta con l’ansia del mettersi in discussione, vedevo la gente invecchiare e fare cose allucinanti: generare figli mai desiderati, tagliare e colorare i capelli a forma di criniere di animali incazzati, uscire con persone 100% criptonite, iscriversi a qualcosa a caso con un entusiasmo pazzesco e poi piangere in macchina alla seconda lezione. Ho visto cose che voi umani… Ma questa cosa mi è servita perché davvero mi metto in discussione ottomila volte al giorno, non risolvo comunque nulla, ma sono cintura nera secondo dan di consapevolezza. E sentendo un po’ di storie non allegrissime, con l’eco della voce di mia madre in sottofondo che mi ricorda che vedere chi sta peggio non può farmi star meglio, godo semplicemente dell’oggi. Perché se oggi sono la persona che sono, incasinata e imperfetta ok, ma anche serena e piuttosto felice, è colpa o merito di tutto quello che è stato. Dei giorni grigi, bui, schifosi, in cui ho avuto paura, nausea, schifo, moti omicidi. Dei giorni fighi tout court e di quelli parzialmente fighi. E tutto questo insieme pazzesco di cose mi fa guardare con una discreta positività al futuro, con sempre quell’ansia che tutti intorno a me si accorgano che sono un bluff, che non so nulla, non so far nulla e non sono neanche simpatica, ma con la speranza che questo avvenga il più tardi possibile e nel frattempo io possa continuare a godermi la vita.

Se state ancora facendo a mente 10/4 possiamo essere grandi amici!

❤cristinafelice.altervista.org❤